Da un ispirazione di Gianni Rodari – From an inspiration by Gianni Rodari (by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti)

 

thHXMOAZ68.jpg

Ho aperto il quaderno nuovo sul banco.

Il primo foglio è così bianco,
quasi splende, tanto è pulito…
ed ho paura a posarvi il dito.
Intingo la penna,

trattengo il fiato
e curvo sul foglio immacolato
scrivo con cura la prima parola
di questo primo giorno di scuola.
Domani, forse dopo, chissà,
sul foglio bianco una macchia cadrà…
ma non perderò per questo il coraggio;
un colpo di gomma e avanti, in viaggio!

di Gianni Rodari

Uno spunto di Gianni Rodari ci ha fatto riflettere sul traguardo personale raggiunto. Oggi karatebloginternational raggiunge 26000 visualizzazioni e 17000 visitatori per noi, un traguardo impensato!

Non è stato il coraggio mai perso, nell’imbrattare una pagina elettronica, quanto le dinamiche fitte e compulsive emerse all’interno dei nostri pensieri.

Cinquecento articoli pubblicati, poco meno di uno al giorno! Qualche anno fa qualche scrittore e poeta già pensava all’impegno verso una comunità spesso silente tanto da dedicargli una poesia.

Scrivere non è facile, ci vuole pensiero e critica, costanza e inventiva e la sola moneta di ricompensa sono i lettori ed i seguaci.

La ricerca della critica.

Questo traguardo lo dedichiamo a voi, al feedback quotidiano fornito complice della nostra mission. Una semplice riflessione, una breve pausa volta al riprendere fiato ansimando e sudati guardare indietro per beneficiare della forza nell’andare avanti.

Ci siamo accorti tuttavia che il beneficio ed il fuoco sacro del pensiero lo catturiamo dal silenzio, dai tempi lenti rispetto ai nostri, dalle individualità che caratterizzano spesso una massa volta a cancellare la personalità, caratteristica del singolo sempre più teso nel seguire una massa.

Toccheremo tematiche sempre più roventi trasversalmente intrise di sport, cultura, sociale, arte, salute fino a lambire lo scibile umano, è il nostro obiettivo e ne siamo orgogliosi.

Semplicemente grazie per ciò che contribuite ad apportare nella nostra piattaforma comunicativa.

An idea by Gianni Rodari made us reflect on the personal goal achieved. Today karatebloginternational reaches 26,000 views and 17,000 visitors for us, an unimaginable goal!
It was not the courage that was ever lost in an electronic page, but the dense and compulsive dynamics that emerged within our thoughts.
Five hundred articles published, just under one a day! A few years ago, some writer and poet already thought of a commitment to a community often silent enough to devote a poem to him.
Writing is not easy, it takes thought and criticism, constancy and inventiveness and the only reward money are the readers and the followers.
The search for criticism.
We dedicate this goal to you, to the daily feedback provided as a accomplice of our mission. A simple reflection, a short pause once to catch your breath gasping and sweating look back to benefit from the strength in going forward.
We have noticed, however, that the benefit and the sacred fire of thought capture it from silence, from slow times compared to ours, from the individualities that often characterize a mass aimed at erasing the personality, characteristic of the individual increasingly tense in following a mass.
We will touch increasingly hot topics transversely soaked with sports, culture, social, art, health to touch human knowledge, it is our goal and we are proud of it.
Simply thank you for what you contribute to making in our communication platform.

Une idée de Gianni Rodari nous a fait réfléchir sur l’objectif personnel atteint. Aujourd’hui, karatebloginternational atteint 26 000 vues et 17 000 visiteurs pour nous, un objectif inimaginable!
Ce n’était pas le courage jamais perdu dans une page électronique, mais la dynamique dense et compulsive qui a émergé dans nos pensées.
Cinq cents articles publiés, un peu moins d’un par jour! Il y a quelques années, un écrivain et un poète pensaient déjà à un engagement envers une communauté suffisamment silencieuse pour lui consacrer un poème.
Écrire n’est pas facile, il faut réfléchir et critiquer, faire preuve de constance et d’inventivité et la seule récompense en argent est celle des lecteurs et des suiveurs.
La recherche de la critique.
Nous vous dédions cet objectif, au feedback quotidien fourni en tant que complice de notre mission. Une simple réflexion, une courte pause une fois pour reprendre votre souffle et votre transpiration vous permettent de tirer parti de la force de votre progression.
Nous avons cependant remarqué que le bénéfice et le feu sacré de la pensée la captivaient du silence, des ralentissements par rapport aux nôtres, des individualités qui caractérisent souvent une masse destinée à gommer la personnalité, caractéristique de l’individu de plus en plus tendu dans le suivi d’une masse.
Nous allons toucher des sujets de plus en plus chauds, transversaux de sports, de culture, de social, d’art, de santé, pour toucher au savoir humain, c’est notre objectif et nous en sommes fiers.
Merci simplement pour ce que vous contribuez à faire dans notre plateforme de communication.

Eine Idee von Gianni Rodari hat uns dazu gebracht, über das persönliche Ziel nachzudenken. Heute erreicht karatebloginternational 26.000 Views und 17.000 Besucher, ein unvorstellbares Ziel!
Es war nicht der Mut, der jemals auf einer elektronischen Seite verloren ging, sondern die dichte und zwanghafte Dynamik, die in unseren Gedanken auftrat.
Fünfhundert Artikel veröffentlicht, knapp ein Tag pro Tag! Vor einigen Jahren hatten einige Schriftsteller und Dichter bereits an ein Bekenntnis zu einer Gemeinschaft gedacht, die oft genug stumm genug war, um ihm ein Gedicht zu widmen.
Das Schreiben ist nicht einfach, es erfordert Nachdenken und Kritik, Beständigkeit und Erfindergeist, und die einzige Belohnung für Geld sind die Leser und die Anhänger.
Die Suche nach Kritik.
Dieses Ziel widmen wir Ihnen, dem täglichen Feedback, das Sie als Komplize unserer Mission erhalten. Ein einfaches Nachdenken, eine kurze Pause, um nach Luft zu schnappen und zu schwitzen. Schauen Sie zurück, um von der Kraft zu profitieren.
Wir haben jedoch festgestellt, dass der Nutzen und das heilige Feuer des Denkens aus der Stille, aus langsamen Zeiten im Vergleich zu unserer, aus den Individualitäten, die oft eine Masse charakterisieren, die darauf abzielt, die Persönlichkeit auszulöschen, die für das Individuum charakteristisch ist, zunehmend angespannter wird, wenn man einer Masse folgt.
Wir werden immer heißere Themen berühren, die quer durch Sport, Kultur, Soziales, Kunst und Gesundheit durchdrungen sind, um menschliches Wissen zu berühren. Dies ist unser Ziel und wir sind stolz darauf.
Vielen Dank, dass Sie zu unserer Kommunikationsplattform beitragen.

Una idea de Gianni Rodari nos hizo reflexionar sobre el objetivo personal alcanzado. Hoy, karatebloginternational alcanza para nosotros 26,000 visitas y 17,000 visitantes, ¡un objetivo inimaginable!
No fue el coraje que se perdió en una página electrónica, sino la dinámica densa y compulsiva que surgió dentro de nuestros pensamientos.
¡Quinientos artículos publicados, poco menos de uno al día! Hace unos años, algunos escritores y poetas ya pensaban en un compromiso con una comunidad a menudo lo suficientemente silenciosa como para dedicarle un poema.
Escribir no es fácil, requiere reflexión y crítica, constancia e inventiva, y la única recompensa en dinero son los lectores y los seguidores.
La búsqueda de la crítica.
Dedicamos este objetivo a usted, a los comentarios diarios proporcionados como un cómplice de nuestra misión. Un simple reflejo, una breve pausa una vez para recuperar el aliento, jadeo y sudor, mirar hacia atrás para beneficiarse de la fuerza para seguir adelante.
Sin embargo, hemos notado que el beneficio y el fuego sagrado del pensamiento lo capturan del silencio, de los tiempos lentos en comparación con los nuestros, de las individualidades que a menudo caracterizan una masa dirigida a borrar la personalidad, característica del individuo cada vez más tenso en seguir una masa.
Tocaremos temas cada vez más candentes, empapados transversalmente de deportes, cultura, sociales, arte, salud para tocar el conocimiento humano, es nuestro objetivo y estamos orgullosos de ello.
Simplemente, gracias por lo que contribuye a hacer en nuestra plataforma de comunicación.

Идея Джанни Родари заставила нас задуматься о достигнутой личной цели. Сегодня karatebloginternational достигает 26 000 просмотров и 17 000 посетителей для нас, это невообразимая цель!
Это была не смелость, которая когда-либо терялась на электронной странице, а плотная и навязчивая динамика, возникшая в наших мыслях.
Пятьсот опубликованных статей, чуть менее одной в день! Несколько лет назад некоторые писатели и поэты уже думали о приверженности общине, которая часто молчала, чтобы посвятить ему стихотворение.
Писать нелегко, для этого нужны мысль и критика, постоянство и изобретательность, а единственное вознаграждение – это читатели и последователи.
Поиски критики.
Мы посвящаем эту цель вам, ежедневной обратной связи, предоставляемой в качестве соучастника нашей миссии. Простое отражение, короткая пауза один раз, чтобы отдышаться, задыхаясь и потеть, оглянуться назад, чтобы извлечь выгоду из силы идти вперед.
Однако мы заметили, что благо и священный огонь мысли захватывают его из молчания, из-за медленных времен по сравнению с нашими, из индивидуальностей, которые часто характеризуют массу, нацеленную на стирание личности, характерную для индивидуума, все более напряженного в следовании за массой.
Мы затронем все более горячие темы, пропитанные спортом, культурой, социальными вопросами, искусством, здоровьем, чтобы затронуть человеческие знания, это наша цель, и мы гордимся этим.
Просто спасибо за ваш вклад в нашу коммуникационную платформу.
Ideya Dzhanni Rodari zastavila nas zadumat’sya o dostignutoy lichnoy tseli. Segodnya karatebloginternational dostigayet 26 000 prosmotrov i 17 000 posetiteley dlya nas, eto nevoobrazimaya tsel’!
Eto byla ne smelost’, kotoraya kogda-libo teryalas’ na elektronnoy stranitse, a plotnaya i navyazchivaya dinamika, voznikshaya v nashikh myslyakh.
Pyat’sot opublikovannykh statey, chut’ meneye odnoy v den’! Neskol’ko let nazad nekotoryye pisateli i poety uzhe dumali o priverzhennosti obshchine, kotoraya chasto molchala, chtoby posvyatit’ yemu stikhotvoreniye.
Pisat’ nelegko, dlya etogo nuzhny mysl’ i kritika, postoyanstvo i izobretatel’nost’, a yedinstvennoye voznagrazhdeniye – eto chitateli i posledovateli.
Poiski kritiki.
My posvyashchayem etu tsel’ vam, yezhednevnoy obratnoy svyazi, predostavlyayemoy v kachestve souchastnika nashey missii. Prostoye otrazheniye, korotkaya pauza odin raz, chtoby otdyshat’sya, zadykhayas’ i potet’, oglyanut’sya nazad, chtoby izvlech’ vygodu iz sily idti vpered.
Odnako my zametili, chto blago i svyashchennyy ogon’ mysli zakhvatyvayut yego iz molchaniya, iz-za medlennykh vremen po sravneniyu s nashimi, iz individual’nostey, kotoryye chasto kharakterizuyut massu, natselennuyu na stiraniye lichnosti, kharakternuyu dlya individuuma, vse boleye napryazhennogo v sledovanii za massoy.
My zatronem vse boleye goryachiye temy, propitannyye sportom, kul’turoy, sotsial’nymi voprosami, iskusstvom, zdorov’yem, chtoby zatronut’ chelovecheskiye znaniya, eto nasha tsel’, i my gordimsya etim.
Prosto spasibo za vash vklad v nashu kommunikatsionnuyu platformu.

Annunci

Martin…questo sconosciuto! Martin… this stranger!(by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti)

fasi sensibili 1

Nelle svariate aule effettuate ci siamo accorti di quanto un individuo che auspica ad entrare nel mondo dello sport come tecnico, specie non avendo una formazione consolidata a monte in Scienze Motorie, Pedagogia o Medicina Sportiva, cerca in qualche modo di improvvisare una sessione di allenamento, in particolare con i giovanissimi, senza conoscere minimamente la Tabella di Martin.

Martin, studioso tedesco, dopo anni di studio, ricerca e comparazione di dati, ideò questa tabella, un caposaldo dell’allenamento e della responsabilità verso gli iscritti (atleti in erba) per due motivi fondamentali:

a) non procurare danni con fantasie di allenamento improvvisate ed in forte contrasto con la crescita dell’individuo;

b) ottenere risultati ottimali dovuti proprio all’inquadramento nel periodo anagrafico allenabile.

Ci sono tecnici che ancora fanno fare stretching ai ragazzini (assurdo!!!), cambiate professione!

La tabella di Martin non è purtroppo molto conosciuta e ci siamo accorti che non è conosciuta nemmeno al primo anno di Scienze Motorie (grave!) dopo qualche domanda rompighiaccio tra i discenti che incrociamo sui nostri percorsi.

Queste sono le nostre osservazioni relative ad uno strumento ancora non superato che salvaguarda la salute dei ragazzi e l’attività motoria in essere… sapendola esercitare.

La gara è solo un fine con questi presupposti ed è bene saperlo, prenderne conoscenza!

Diversamente senza queste apparenti banali basi, dedichiamoci ad altro.

In the various classrooms we realized we realized how much an individual who wishes to enter the world of sport as a technician, especially not having a well-established education upstream in Motor Sciences, Pedagogy or Sports Medicine, tries in some way to improvise a training session, in particular with the very young, without knowing the Martin Table in any way.

Martin, a German scholar, after years of study, research and comparison of data, he devised this table, a cornerstone of training and responsibility towards members (budding athletes) for two fundamental reasons:

a) not cause damage with improvised training fantasies and in strong contrast with the growth of the individual;

b) obtain optimal results due precisely to the classification during the period of training.
There are technicians who still do stretching the kids (absurd !!!), change profession!

The table of Martin is unfortunately not very well known and we realized that it is not even known in the first year of Motor Sciences (serious!) After some ice-breaker question among the learners that we meet on our paths.

These are our observations concerning an instrument that has not yet been passed which safeguards the health of the children and the physical activity in progress … knowing how to exercise it.

The race is only an end with these assumptions and it is good to know it, to get to know it!
Otherwise, without these seemingly trivial bases, let us dedicate ourselves to something else.

Il lancio del Giavellotto tra agonismo e sapere…in altre parole il Prof. Domenico Di Molfetta – The launch of the Javelin between agonism and knowledge … in other words Prof. Domenico Di Molfetta(by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

dscn1063

Continua il nostro percorso di presentazione della dirigenza FIEFS (Federazione Italiana Educatori Fisici e Sportivi – Benemerita dal CONI), dopo il Presidente Pippo Cindolo (Maratoneta), dopo il Consigliere Sergio Liani (Ostacolista) siamo approdati nell’antica Grecia e nella Roma Imperiale.

Pochi incontri ma densi di sapere, colmi di cultura sportiva e ricchi di aspettative solo ed esclusivamente sentendolo parlare fumeggiando il suo sigaro. Sposato, con figli, amante della subacquea ma non del pesce pescato (tipicità di alcuni cacciatori/pescatori). E’ bastata una cena di qualche settimana fa per comprendere quanto la cultura, il sapere e la padronanza tecnica sono l’humus essenziale a contorno essenziale della mera espressione tecnica, in questo caso dell’atletica leggera.

Il lancio del giavellotto, a volte definito anche tiro del giavellotto, è una specialità sia maschile che femminile dell’atletica leggera, in cui l’atleta cerca di scagliare il più lontano possibile un attrezzo di forma affusolata fatto di metallo e fibra di vetro detto per l’appunto giavellotto.
Negli ultimi anni, per le categorie giovanili, si è imposto il lancio del vortex come disciplina preparatoria all’attrezzo futuro, uno strumento ludico volto ad instradare le giovani leve sportive verso il sogno olimpico.

Il Giavellotto è spesso raffigurato nelle manifatture di età classica, ritrovamenti archeologici fantastici di mondi Olimpici ormai passati ma fermi (o almeno speriamo) nell’immaginario di ogni individuo che si presta ad impegnare parte della sua vita in questa antichissima disciplina.

 

Leggere il curriculum del Prof. Domenico Di Molfetta impegna qualche minuto soprattutto per l’attività di specializzazione teorica universitaria e di alto livello prima ancora di quella sportiva caratterizzata da parterre internazionali di notevole caratura Olimpica: citiamo solo che oltre alle varie responsabilità sportive nella FIDAL (Federazione Italiana Atletica Leggera), nella FIEFS (in qualità di v. Presidente), nelle docenze in ambito MIUR e CONI (Delegato per la Provincia di Foggia), nelle svariate pubblicazioni effettuate e date alla stampa, nella preparazione tecnica e partecipazione ai Mondiali ed Europei del settore specifico, ha accompagnato come responsabile tecnico la nazionale azzurra di specialità in ben tre Olimpiadi (PECHINO 2008 – 8-24 AGOSTO 2008; ATENE 2004- 20-28 AGOSTO 2004; SYDNEY 2000 –14/31 SETTEMBRE 2000).

Noi poveri commensali e partecipanti alle diverse riunioni organizzate per la Federazione, spesso ci lasciamo prendere da queste personalità di cui il nostro intento è fornire le sensazioni nel back-stage dove di norma emergono questi valori.

Uomini tesi nello sport come nella vita nel rappresentare qualità formativa e spessore tecnico in aree sportive che a volte la mente di chi pratica non coglie perché condizionata dal proprio settore di appartenenza.

Un piccolo quadro di un uomo, di uno sportivo che certamente apporta beneficio nella società sempre più condizionata nell’ottenere risultati effimeri senza la costruzione dell’essere in senso pieno, prodotto del sacrificio di anni di studio teorico, di pratica, di conoscenza politica/organizzativa e di spessore internazionale.

La nostra fortuna è l’averlo conosciuto e poter collaborare con lui per un sistema nel quale crediamo. Il nostro consiglio è quello di approfondire queste professionalità qualora si abbia la fortuna di incontrarle nei vari corsi, stage o seminari che generalmente vengono espresse periodicamente durante l’anno.

Our presentation of the FIEFS leadership (Italian Federation of Physical and Sports Educators – Worthy of the CONI) continues, after the President Pippo Cindolo (Marathoner), after the Councilor Sergio Liani (Ostacolista) we have arrived in ancient Greece and in Imperial Rome.

Few meetings but full of knowledge, full of sports culture and full of expectations only and exclusively hearing him talking about smoking his cigar. Married, with children, lover of the underwater but not of the fish caught (typical of some hunters / fishermen). A dinner of a few weeks ago was enough to understand how culture, knowledge and technical mastery are the essential humus of an essential outline of mere technical expression, in this case of athletics.

The javelin throw, sometimes also called javelin throw, is a masculine and feminine specialty of athletics, in which the athlete tries to hurl as far as possible a tapered shape tool made of metal and fiberglass precisely the javelin.

In recent years, for the youth categories, the launch of the vortex has been imposed as a preparatory discipline for the future tool, a playful tool aimed at routing the young sports players towards the Olympic dream.

The javelin is often depicted in the manufactory of the classical age, fantastic archaeological finds of Olympic worlds that have passed but firm (or at least hope) in the imagination of every individual who lends himself to commit part of his life in this ancient discipline.

Reading the curriculum of Prof. Domenico Di Molfetta commits a few minutes especially for the university and high level theoretical specialization activity even before the sports one characterized by international parterre of remarkable Olympic caliber: we mention only that in addition to the various sports responsibilities in the FIDAL ( Italian Athletics Federation), in the FIEFS (as v. President), in teaching in the MIUR and CONI (Delegate for the Province of Foggia), in the various publications made and given to the press, in the technical preparation and participation in the World Cup and Europeans in the specific sector, he has accompanied as technical manager the Italian national team in three Olympic Games (BEIJING 2008 – 8-24 AGOSTO 2008, ATHENS 2004 – 20-28 AUGUST 2004, SYDNEY 2000 -14/31 SEPTEMBER 2000).

We poor guests and participants in the various meetings organized for the Federation, we often let ourselves be taken by these personalities whose intent is to provide the feelings in the back-stage where these values ​​normally emerge.

Theses in sport as in life in representing training quality and technical depth in sports areas that sometimes the mind of those who practice does not capture because conditioned by their own sector.

A small picture of a man, of a sportsman who certainly benefits in society more and more conditioned to obtain ephemeral results without the construction of being in the full sense, product of the sacrifice of years of theoretical study, practice, political knowledge / organizational and international thickness.

Our fortune is to have known him and to be able to collaborate with him for a system in which we believe. Our advice is to deepen these skills if you are lucky enough to meet them in various courses, stages or seminars that are generally expressed periodically during the year.

 

La formazione non si vende, è il suo contenuto che fa la differenza. Occhio a Maslow! (by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti) – Training is not sold, it is its content that makes the difference. Eye to Maslow! (by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti)

 
10945736_10206023971707832_7050548844777437118_n

Recentemente abbiamo pubblicato alcuni consigli utili per smascherare i falsi profeti, in particolare ci rivolgiamo a quegli individui che delle parole educazione, formazione, insegnamento ecc. compongono la loro cartucciera personale volta a caricare armi che cerchiamo di rendere inoffensive.

Oggi forniremo un consiglio a chi, spesso senza saperlo si trova nel gradino di una piramide ideata da Maslow e che i sedicenti “venditori” utilizzano per far leva nelle loro esigenze, motivazioni, aspettative e caratteristiche umane che la completano (comuni a tutti).

Piramide o scala dei fabbisogni, come si voglia identificare, ogni essere umano manifesta in modo differente dei bisogni ed il bisogno è caratterizzato sempre da una sensazione sgradevole che affiora dalla mancanza di qualcosa di necessario nella vita. Facciamo attenzione su un aspetto molto strano… Maslow non si è mai interessato di tecniche di vendita ma ha elaborato la teoria esplicandola con la Piramide dei Bisogni per chiarire aspetti psicologici e sociologici esclusivamente in questi ambiti. Tuttavia, considerata la valenza di questo modello e la sua efficacia applicabile, questa teoria nel corso dei decenni è stata sempre più spesso studiata in ambito commerciale, nel marketing e nel motivare le persone. A questo punto si aprono due canali:

  1. insegnare correttamente agli esseri umani a soddisfare i bisogni personali (lato positivo);
  2. utilizzare la teoria per condizionare, manipolare, fregare il prossimo.

Questa teoria è piaciuta talmente tanto agli uomini di marketing che oggi Maslow è conosciuto nel mondo del marketing e delle tecniche di vendita forse più di quello della psicologia e della sociologia!

Sintetizzando il pensiero di Maslow esso identificava cinque aree di bisogni che vi invitiamo ad approfondire autonomamente:

  1. Bisogni elementari

Posti alla base della Piramide e sono quelli di ordine fisico che l’essere umano deve necessariamente soddisfare per non rischiare la sua stessa sopravvivenza (bisogno di mangiare, di dormire, di bere, di fare sesso, ecc.)

  1. Bisogni di sicurezza

Caratteristica del secondo gradino della Piramide, evidenziano la necessità di sentirsi protetti dai possibili pericoli della vita. la maggior parte dei prodotti e servizi moderni sono volti a soddisfare questo tipo di bisogno: le polizze assicurative, l’airbag e l’ABS, l’antifurto in casa, ecc. ecc.

  1. Bisogni sociali

A metà Piramide Maslow, identifica la necessità dell’essere umano di avere relazioni, contatti con altri esseri umani. Questa caratteristica invoglia l’uomo ad effettuare acquisti che lo fanno sentire appartenente ad un gruppo sociale ben descritto, come ad esempio usare i social networks, iscriversi a qualche club o associazione di volontariato, vestirsi alla moda, ecc.

  1. Bisogni di stima

Nel quarto livello della Piramide, Maslow identifica la volontà dell’uomo di essere riconosciuto e stimato all’interno del gruppo di appartenenza. Nessun uomo ama essere disprezzato.

Per questo motivo si acquistano prodotti che, pur essendo superflui, garantiscono una certa considerazione da parte degli altri: auto sportiva, gioielli costosi, accessori ed abiti griffati, ecc.

Il quinto punto caratterizzato dai “bisogni di autorealizzazione” è quello che più ci interessa per l’argomento trattato.

Non a caso il bisogno di autorealizzazione è posto al vertice di questo solido poiché per raggiungere la completezza dell’essere e di conseguenza arrivare al vertice della Piramide, ogni individuo avrà un percorso più o meno difficile da affrontare. La spinta per la scalata la forniscono gli acquisti per oggetti o servizi che magari ha desiderato per anni, come quadri di autore, frequenza a corsi universitari o master, attività sportive di nicchia, ecc.

Molti truffatori e professionisti senza scrupoli agiscono facendo leva su questo punto proponendo corsi, attività e titoli di studio, ottenibili in breve tempo, personalizzabili nella fruizione, con nomi altisonanti ed enfatizzati dall’uso indiscriminato dell’inglese volto in questo caso a condire il tutto sotto forma di una bella pietanza fumante da gustare a fronte di un ricco esborso economico.

Fateci caso!!! Nei social, in rete, nella promozione pubblicitaria, ovunque manifestata, apparenti professionisti in abiti eleganti, spesso con braccia conserte al petto ed in posizione laterale rispetto al piano frontale del viso. Aule strapiene di discenti con attrezzature all’avanguardia sfondi di grandi Hotel lussuosi dall’aria apparentemente rampante.

Frasi che incitano alla nostra autostima: “con noi avrai successo”, “non perdere il tuo tempo”, “tireremo fuori il tuo talento innato”, “Carlo, dopo soli tre mesi di master fatto in qualche week end, riceve guadagni milionari”, ecc. ecc.

Analizziamo invece le relazioni tipo tra clienti interessati e venditori di corsi e titoli cinici e menefreghisti, senza morale:

Caso 1

Cliente: Mi scusi… Costo del corso?

Venditore: Se mi chiama in privato avrà tutte le delucidazioni del caso…

Caso 2

Cliente: Mi scusi… Che titolo di accesso è indispensabile per partecipare?

Venditore: Come da pubblicità il Master è aperto a tutti in virtù dei crediti formativi (la normativa sarebbe d’obbligo) po’ avere la terza media o la laurea non fa differenza.

Cliente: Mi scusi… ma è una professione riconosciuta?

Venditore: cita sempre la stessa cosa ovvero, che in virtù della legge sulle professioni non regolamentate è possibile svolgere l’attività per la quale si fa il corso…

Scandagliando e curiosando ai diplomati e forse pagando lo stesso prezzo verrà rilasciato quasi sempre un “ATTESTATO” di partecipazione in qualità di uditori ed in sintesi senza alcun valore legale.

Ciò che ci preme sottolineare per tutti è il fare continuamente attenzione a chi vende un servizio o un prodotto e l’eventuale spendibilità oggettiva legale che possiamo utilizzare alla conclusione del percorso.

Per fare un buon Prosciutto ed un buon Parmigiano la lavorazione accurata ed i mesi di stagionatura fanno la differenza sempre, a meno che non si è già Prosciutto o Parmigiano!

Non si vende una merce, ma si vende l’idea che essa soddisfi un determinato bisogno dell’essere umano.

Recently we have published some useful tips to unmask the false prophets, in particular we address those individuals who speak of education, training, teaching, etc. make up their own personal belt to load weapons that we try to make inoffensive.

Today we will give advice to those who, often without knowing it, are in the step of a pyramid designed by Maslow and that the so-called “sellers” use to leverage their needs, motivations, expectations and human characteristics that complete it (common to all).

Pyramid or scale of needs, as we want to identify, every human being manifests in a different way of needs and the need is always characterized by an unpleasant feeling that emerges from the lack of something necessary in life. We pay attention to a very strange aspect … Maslow has never been interested in sales techniques, but has elaborated the theory by making it explicit with the Pyramid of Needs to clarify psychological and sociological aspects exclusively in these areas. However, given the importance of this model and its applicable effectiveness, this theory has been increasingly studied in the commercial field, in marketing and in motivating people over the decades. At this point two channels are opened:

teach correctly to human beings to satisfy personal needs (positive side);
use the theory to condition, manipulate, rub the neighbor.
This theory has been so much appreciated by marketing people that today Maslow is known in the marketing world and sales techniques, perhaps more than psychology and sociology!

Summarizing Maslow’s thought, it identified five areas of needs that we invite you to explore independently:

Basic needs

Places at the base of the Pyramid and are those of a physical nature that the human being must necessarily satisfy in order not to risk his own survival (need to eat, sleep, drink, have sex, etc.)

Security needs

Characteristic of the second step of the Pyramid, highlight the need to feel protected from the possible dangers of life. most modern products and services are designed to meet this type of need: insurance policies, airbags and ABS, home burglar alarms, etc. etc.
Social needs

Half Pyramid Maslow, identifies the need of the human being to have relationships, contacts with other human beings. This feature encourages people to make purchases that make them belong to a well-described social group, such as using social networks, subscribing to some club or volunteer association, dressing up in fashion, etc.
Estimation needs

In the fourth level of the Pyramid, Maslow identifies the will of man to be recognized and esteemed within the group to which he belongs. No man loves to be despised.
For this reason we buy products that, despite being superfluous, guarantee a certain consideration on the part of others: sports cars, expensive jewelry, accessories and designer clothes, etc.

Many scammers and unscrupulous professionals act on this point by proposing courses, activities and qualifications, obtainable in a short time, customizable in use, with high-sounding names and emphasized by the indiscriminate use of English in this case to dress the whole in the form of a beautiful steaming dish to be enjoyed in the face of a rich economic outlay.

Take care of it!!! In social media, on the web, in advertising promotion, everywhere manifested, apparently professionals in elegant clothes, often with arms folded to the chest and in a lateral position compared to the frontal plane of the face. Overflowing classrooms with cutting-edge equipment wallpapers of large luxurious hotels with seemingly rampant air.

Phrases that incite our self-esteem: “with us you will be successful”, “do not waste your time”, “we will bring out your innate talent”, “Carlo, after only three months of mastering done in a few weekends, receives millionaire earnings” , etc. etc.

Instead, we analyze the typical relationships between interested customers and sellers of cynical and unclear courses and titles, without morals:

Case 1
Customer: Excuse me… Cost of the course?
Seller: If you call me in private will have all the clarifications of the case …

Case 2
Client: Excuse me… What kind of access is necessary to participate?
Vendor: As the publicity of the Master is open to all by virtue of the credits (the legislation would be a must) little ‘to have the third grade or the degree makes no difference.

Client: Excuse me… but is it a recognized profession?
Seller: always quotes the same thing or, that under the law on unregulated professions it is possible to carry out the activity for which the course is held …

Placing and browsing the graduates and perhaps paying the same price will almost always be issued a “ATTESTATION” of participation as auditors and in summary without any legal value.

What we want to emphasize for everyone is the constant attention paid to those who sell a service or a product and the possible objective legal spendability that we can use at the end of the path.

To make a good Prosciutto and a good Parmesan the careful processing and the months of maturing always make the difference, unless you are already Prosciutto or Parmesan!
You do not sell a commodity, but you sell the idea that it meets a certain need of the human being.

 

In collaborazione con il Dott. Alfonso Tornatore per Karatebloginternational: apparentemente uguali eppur diverse…parliamo di Canapa! – In collaboration with Dr. Alfonso Tornatore for Karatebloginternational: apparently equal but different … we talk about Hemp!(by Massimo and Carmen Sansonetti)

 

le nostre collaborazioni non si fermano. Alfonso Tornatore, il dott. Tornatore inaugura una speriamo lunga consulenza con Karatebloginternational. Un viaggio stupendo che consentirà al lettore finale di ottenere un’esperienza culturale in più e qualche informazione più dettagliata.

Valicheremo gli spazi della salute con particolare riferimento al benessere dell’individuo, dei ragazzi, immergendoci nel settore del fitness, dello sport che caratterizza la nostra natura iniziale. Prevenzione, protezione, informazione corretta e funzionale fornendo punti di vista diversi che dovrebbero accompagnare il contraddittorio del nostro quotidiano.

Oggi parliamo di Canapa e delle differenze che sono presenti in una specie vegetale ma che la normativa commerciale e la diffusione pubblica nel corso di questi ultimi anni ce la propone alla vista in molti esercizi pubblici, dai negozi specializzati, una volta tipici del Nord Europa, al comune tabaccaio sotto casa.

Lasciando la parola al dott. Alfonso Tornatore, ringraziamo lo stesso per il contributo informativo verso la nostra piattaforma trasversale di informazione.

our collaborations do not stop. Alfonso Tornatore, the dott. Tornatore inaugurates a hopefully long consultation with Karatebloginternational. A wonderful journey that will allow the final reader to get an extra cultural experience and some more detailed information.

We will evaluate the spaces of health with particular reference to the well-being of the individual, of the children, immersing ourselves in the fitness sector, the sport that characterizes our initial nature. Prevention, protection, correct and functional information providing different points of view that should accompany the contradictory of our daily life.

Today we talk about Hemp and the differences that are present in a plant species, but that the commercial regulations and public dissemination during the last few years show it to us in many public establishments, from specialized shops, once typical of Northern Europe, to the common tobacconist under the house.

Leaving the word to dr. Alfonso Tornatore, we thank the same for the informative contribution towards our transversal information platform.

 

Non bastano ancora trent’anni di “Striscia la notizia” per smascherare i venditori di fumo…Fate voi stessi una prova…è gratuita! – Thirty years of “Striscia la notizia” are not enough to unmask the sellers of smoke… Do yourself a try… it’s free!(By Carmen Sansonetti and Massimo Giuliani)

 

specchietto-per-allodole.jpg
Foto tratta da: https://www.sarao.it

La curiosità ci ha sempre caratterizzato e così il bene verso un percorso di studi in cui abbiamo sempre creduto. Non basteranno ancora trent’anni di programmi televisivi dediti nel far luce a ciò che è vero da ciò che è falso poi l’inglese, lo slang che contribuisce ad esponenziare al massimo il trucco per i meno dotati di acume e furbizia… produce il resto.

Karatebloginternational ci ha sempre creduto e disegna nel suo piccolo qualche scoglio di salvezza volto a prendere fiato in un quadro spesso rappresentato da un mare in burrasca magari parafrasando le opere di John E. Robinson.

Senza citare le migliaia di professioni, in particolare in ambito formativo e sportivo generate ad hoc per inebriare le speranze di frustrati discenti disposti a pagare ricche somme di denaro per qualche week end motivazionale, ci troviamo sempre di fronte al solito sistema utilizzato da qualche sopravvissuto cacciatore nel cacciare questi poveri passeriformi: un meccanismo volto a distrarre i piccoli e ingenui animaletti finanche intrappolare la loro vita in una rete improvvisata.

Per noi italiani ormai il gioco delle tre carte è cosa assai nota ma ancora molte persone, specie tra i più giovani, si fanno incantare proprio come allodole in quel miraggio Sahariano composto da stagni di acqua potabile e alberi da frutto rigogliosi. Accecati dalla sete per un’identità professionale e dal welfare sempre più debole verso le categorie dei disoccupati continuiamo a sperperare denaro guadagnato o recuperato in prestiti di fortuna per appellarci con qualche fine settimana di un titolo ricevuto non riconosciuto e paragonabile allo zero.

Basta veramente poco per non incorrere in questi sotterfugi, in questi tranelli, in queste paccottiglie di bigiotteria pseudo-professionale. Basta poco. Respiriamo gente, impariamo a dedicare qualche minuto di curiosità, di osservazione e di ricerca, in altre parole di cultura. Se una volta molti di noi siamo caduti nelle spire di qualche sedicente venditore per l’enciclopedia mai letta e pagata con infinite rate oggi non siamo più così: VERO?

Basta collegarci al sito

http://fabbisogni.isfol.it/

per fare un esempio e digitando nel campo proposto la professione che ci stanno proponendo avremo subito la certificazione di quel qualcosa che almeno nel nostro Paese non è riconosciuta, non ha valore.

Anni d studio per ciò che vogliamo fare, anni di sacrificio per ciò che desideriamo essere, anni di pazienza per ciò che aspiriamo diventare o essere.

Provate, provate, non costa nulla, vi abbiamo solo messo al corrente di uno strumento che certamente rischiarirà molti dei vostri dubbi.

Un semplice atto gratuito di sana divulgazione preventiva.

Curiosity has always characterized us and thus the good towards a path of study in which we have always believed. Thirty years of television programs dedicated to shedding light on what is true from what is false then English, the slang that contributes to exponent the trick for the less talented and cunning… produces the rest .

Karatebloginternational has always believed in it and draws in its own little hurdle of salvation aimed at taking a breath in a painting often represented by a stormy sea, perhaps paraphrasing the works of John E. Robinson.

Without mentioning the thousands of professions, especially in the training and sports field generated ad hoc to inebriate the hopes of frustrated learners willing to pay large sums of money for some motivational weekend, we are always faced with the usual system used by some surviving hunter in hunting these poor passerines: a mechanism designed to distract the small and naive animals and even trap their lives in an improvised network.

For us Italians now the game of three cards is very well known but still many people, especially among the younger ones, are enchanted just like larks in that Saharan mirage composed of ponds of drinking water and lush fruit trees. Blinded by the thirst for a professional identity and by the weaker welfare towards the categories of the unemployed we continue to squander money earned or recovered in makeshift loans to appeal with some weekends of an unrecognized and comparable to zero.

It takes very little to avoid these subterfuges, in these tricks, in these pseudo-professional trinkets. It takes very little. We breathe people, we learn to spend a few minutes of curiosity, observation and research, in other words of culture. If once many of us fell into the spirits of some self-proclaimed seller for the encyclopedia never read and paid with infinite installments today we are no longer like this: TRUE?
Just connect to the site

http://fabbisogni.isfol.it/

to give an example and typing in the proposed field the profession that we are proposing we will immediately have the certification of something that at least in our country is not recognized, has no value.

Years of study for what we want to do, years of sacrifice for what we want to be, years of patience for what we aspire to become or be.
T

ry it, try it, it costs nothing, we have only informed you of an instrument that will certainly fill many of your doubts.

A simple free act of sound prior disclosure.

Una bella storia… A nice story (by Massimo Giuliani and Carmen Sansonetti)

 

Foto tratta da: https://astriecontrasti.files.wordpress.com

Eravamo quattro amici al bar, citava una volta una nota canzone di Gino Paoli e mentre i millennial o quasi non conoscono nemmeno i vari capitoli di Rocky, noi ampliamo la nostra rete per un servizio sempre più diversificato e spendibile.

Non abbiamo scoperto l’uovo di Colombo ma abbiamo ridonato priorità ai contatti alle conoscenze con uno scopo tanto atavico quanto spesso sempre meno usuale e considerato. Oggi l’economia definirebbe questo processo Rete o Network. Karatebloginternational fa semplicemente da trade-union al sistema da generare.

Medici, formatori, sportivi, commercianti, architetti, pedagogisti…

Non ci interessa il lucro, quando e come arriverà certamente compenserà mille pomeriggi impegnati, mille contatti utilizzati, ma soprattutto mille idee che non ti fanno dormire la notte ma ti danno la forza nel credere. I social hanno apparentemente unito le persone ma incredibilmente ghettizzato le emozioni, le sensazioni riconducendole in compartimenti stagni divisi da paratie per specie, per inclinazioni.

I social hanno dato voce a tutti apparentemente in modo democratico ma i più, specie in una crisi politica ed economica come quella che caratterizza il mondo, pensano solo a se stessi, all’arte del menefreghismo, all’arte di apparire paladini della giustizia e sostenitori di un volontariato e del banale senso dell’altruismo con questa o l’altra opera apparente di solidarietà.

Ci abbiamo pensato, ma tanto…

Cosa possiamo fare? Mettere a disposizione di tutti le nostre competenze, le stesse competenze in cui crediamo. Una “Società delle corporazioni” di tempi ormai trascorsi, una sinergia di intenti.

Punti in comune? Forse. Il benessere della persona, di chi fa cosa e deve farlo con assoluta professionalità e competenza.

Ecco allora che Alfonso, Carmen, Massimo e Saverio (rigorosamente in ordine alfabetico) ci hanno pensato. Così non va! Proponiamo altro. Esperienze apparentemente diverse che invece stanno trovando un senso di espressione. Saremo i primi nel raccontare gli sviluppi di questa sinergia, saremo i primi nel ringraziarvi solo per produrre un esempio che potrebbe cancellare molti GAP.

Per ora solo una pillola il resto… a divenire!

We were four friends at the bar, once quoted a famous song by Gino Paoli and while the millennials or almost do not even know the various chapters of Rocky, we expand our network for an increasingly diversified and spendable service.

We have not discovered the egg of Columbus but we have given back priority to contacts with knowledge with a purpose that is as atavistic as it is often less usual and considered. Today the economy would define this process Network or Network. Karatebloginternational simply makes a trade-union to the system to be generated.
Doctors, trainers, sportsmen, traders, architects, pedagogists…

We do not care about the profit, when and how it will certainly pay off a thousand busy afternoons, a thousand contacts used, but above all a thousand ideas that do not make you sleep at night but give you the strength to believe. The social media have apparently united people but incredibly ghettoized emotions, sensations bringing them into compartments ponds divided by bulkheads by species, by inclinations.

The social media have given voice to all apparently in a democratic way but most, especially in a political and economic crisis like the one that characterizes the world, think only of themselves, the art of indifference, the art of appearing paladins of justice and supporters of a voluntary service and the common sense of altruism with this or other apparent solidarity work.

We thought about it, but…

What can we do? Make all our skills available, the same skills we believe in. A “Society of Corporations” of times gone by, a synergy of intent.

Common points? Maybe. The well-being of the person, who does what and must do it with absolute professionalism and competence.

Here then that Alfonso, Carmen, Massimo and Saverio (strictly in alphabetical order) have thought about it. It does not work this way! We propose another one. Apparently different experiences that are instead finding a sense of expression. We will be the first to tell the developments of this synergy, we will be the first to thank you only to produce an example that could wipe out many GAP.

For now only one pill the rest… to become!